Stampa

La mia ‘Corriamo al Tiburtino’

Scritto da Alessandro Morlupi. Posted in Racconti di gara e non...

Questo articolo è stato letto: 1739 volte
Valutazione attuale:  / 4
ScarsoOttimo 

transenna

Non ricordo più quanti anni sono che non corro la Corriamo al Tiburtino. Anche quest'anno niente pettorale spillato sulla maglietta, niente sudore per 10 Km tutti di un fiato, niente cronometro al polso. Anche quest'anno ero dietro il tavolo delle iscrizioni a distribuire pettorali, pedalini e premi ai più bravi.

Devo dire che anche quest'anno siamo stati bravi. Le iscrizioni e la distribuzione dei pacchi-gara è andata via liscia senza problemi, grazie al fondamentale supporto di Michelangelo di TDS (a mezz'ora della partenza praticamente tutti avevano il pettorale). Anche la distribuzione dei premi di categoria, solitamente momento di rissa, si è svolta in maniera ordinata con JoeVasapollo nella veste di gran cerimoniere.

 

Stare dall'altra parte del tavolo, o delle transenne, è un'esperienza che dovrebbe essere obbligatoria per tutti i podisti, solo così si capisce quanto lavoro c'è dietro a una gara che dura, per i più comodi, solo 60'.

Chi è online

Abbiamo 292 visitatori e nessun utente online

Atleti online

No