Stampa

Peccato! Sarà per la prossima

Scritto da Nadia Ruggeri. Posted in Racconti di gara e non...

Questo articolo è stato letto: 1747 volte
Valutazione attuale:  / 2
ScarsoOttimo 

 


nadmaracoop

Mi alzo sperando che il tempo ci regali un po' di sole per la gara di oggi e augurandomi dichiuderla in bellezza. Voglio migliorare i 52'00" del 2011. All'appuntamento, al solito posto di ogni domenica di gara, sotto  casa di Luigi  ci siamo tutti (mi riferisco ai Catnonini). In auto battute e sfottò e dopo aver parcheggiato via al bar a prenderci un caffe'.E' ancora presto per la gara, diamo un'occhiata in giro  e poi andiamo a prepararci. Scambiamo  la tuta con il completino, un po' di riscaldamento e tutti sulla griglia di partenza. 3-2-1 via, tutto fila liscio, i primi 4 km intorno ai 5" al km mi fanno ben sperare. Al 5° km. comincio a perdere colpi, non riesco a capire. Più vado avanti e più mi sento debole. Forse il sole, il caldo, il vento, non so, rallento sempre più. Svaniscono le mie speranze di migliorare. Ormai devo solo arrivare alla fine perché se inizi una gara la devi sempre finire, bene o male. Oggi l'ho finita male, ma resto sempre contenta, perché la corsa per me e' un qualcosa  che non so spiegare a parole, so solo che mi dà tanto e tanto io do a LEI. grazie

tn 20120422 085235

tn 20120422 085243

tn 20120422 085300

tn 20120422 091332